• In Evidenza,  T'insegnerò la Notte

    T’insegnerò la notte. Una recensione d’autore

    Un ampio ventaglio di elementi costitutivi ben disposti costituisce la struttura e l’essenza di un romanzo che sa proporre, nei quarantasei capitoli che lo sostanziano, una efficace miscela di realismo e situazioni oniriche, di immersione nel mondo dei fenomeni e di capacità di approfondire i moti più inquieti (e di solito nascosti) del pensiero e dell’animo. Non è di poco conto il fatto di riuscire a far scorrere in modo così piacevole la lettura di un narrato veramente atto a scavare oltre le superfici, così invitante sia riguardo al godimento dei sentimenti e delle emozioni che alla riflessione esistenziale e sui rapporti che si instaurano all’interno della famiglia, delle amicizie,…

  • In Evidenza,  Nuova Antologia

    Daniele Ramadan: Avventure filosofiche a cura di Caterina Ceccuti

    Mi imbatto non per caso in un libro da cui, almeno saltuariamente, tutti avremmo bisogno di attingere per rigenerarci un poco. Un libro di filosofia. É possibile, mi domando,  per un uomo o una donna del secondo millennio dopo Cristo, trovare tempo e spazio -non tanto materiale quanto mentale- per comprendere tra le proprie letture un libro di filosofia? Sempre più spesso mi capita di ascoltare i commenti delle persone, immerse come sono ormai in una quotidianità frenetica e semi virtuale, impegnate non stop nel dimostrare a se stesse e agli altri che sì, ce la fanno a districarsi abilmente tra innumerevoli impegni familiari, professionali, fitness, healthness, chi più chi…

  • In Evidenza,  T'insegnerò la Notte

    T’INSEGNERÒ LA NOTTE Recensione della critica letteraria Ernestina Pellegrini

    Dopo i primi romanzi La generatrice di miracoli (2014) e Le geometrie dell’amore (2017), Caterina Ceccuti torna sulla scena letteraria con un’opera, T’insegnerò la notte, che la conferma come una fra le voci più interessanti e promettenti della sua generazione. Dico questo non solo perché sa narrare, utilizzando con maestria alcuni ingredienti classici del romanzesco, essenziali per costruire una rete, una trama in cui il lettore resta catturato dall’inizio alla fine – sin dal titolo che lo chiama in causa (a te dico, a te insegno, lector in fabula) – ma anche perché l’autrice riesce ad inserire sotto la superficie dei fatti narrati un plot ricco di singolarità soggettiva (il…

  • In Evidenza,  T'insegnerò la Notte

    Da maggio “T’insegnerò la notte” nelle Coop della Toscana

    Dal 4 maggio T’insegnerò la notte sbarca in 18 punti vendita Coop della Toscana, IPERMERCATI: Arezzo Cascina Lastra a Signa Montecatini Sesto Fiorentino SUPERMERCATI: Borgo San Lorenzo Empoli (Centro Empoli) Firenze ( Carlo del Prete, Novoli, Ponte a Greve, Leopoldo) Fucecchio Montevarchi Poggibonsi (via Salceto) Pontassieve Prato (via delle Pleiadi) Figline Valdarno  

  • In Evidenza,  Nuova Antologia,  Premi

    VIII edizione Premio Narrativa Giovane. La Fondazione Spadolini porta avanti i suoi progetti culturali nonostante il Covid-19

    Il concorso “Narrativa Giovane” giunge quest’anno alla VIII edizione. Come da tradizione, la Giuria composta da Ilaria Camiciottoli, Caterina Ceccuti, Cosimo Ceccuti, Rodolfo Cigliana, Cristina Giachi, Paola Lucarini, Roberto Marcori, Paola Maresca, Agnese Pini e Milva Segato, si è riunita nei primi di marzo, nella Stanza della Vice Sindaca di Palazzo Vecchio a Firenze. La richiesta presentata ai ragazzi delle classi IV degli Istituti superiori della Toscana aderenti all’iniziativa, è stata come sempre quella di leggere e commentare in classe i quattro volumi annuali di “Nuova Antologia” (gratuitamente distribuiti ad alunni e insegnanti grazie al generoso contributo di Fondazione ChiantiBanca), e di trovare nella ricchezza delle pagine della nostra rivista…

  • Voa Voa

    Luisa e Federica: L’insostenibile tenerezza dell’essere

    Questo articolo inaugura un progetto di story telling nel quale ho fortemente creduto e a cui ho intensamente lavorato, al fianco delle famiglie speciali di Voa Voa Onlus amici di Sofia. Famiglie che non hanno voce, soffocate da una realtà in cui la malattia neuro degenerativa di un figlio in età pediatrica schiaccia la quotidianità e soffoca la vita. Eppure, questi straordinari Love & care givers rappresentano l’esempio più alto dell’amore incondizionato. Vi chiedo appena pochi minuti di attenzione per leggere l’incredibile storia di Luisa e Federica… https://www.voavoa.org/vite-rare-non-invisibili/

  • In Evidenza,  T'insegnerò la Notte

    T’insegnerò la notte. Aperta la prevendita del mio nuovo romanzo

    Questi ultimi momenti che mi separano dalla pubblicazione di “T’insegnerò la notte” mi ricordano qualcosa…A vent’anni o poco più, quando frequentavo la facoltà di giornalismo, ricordo che come molti altri studenti anche io facevo nottata. Però non per studiare (sono sempre stata una di quelle che ragiona meglio di giorno, magari stando chinata sui libri anche dodici ore di seguito, a cominciare dalla mattina presto, ma la notte lasciatemi dormire), piuttosto per essere tra i primi ad iscriversi agli esami. Il fatto stupiva parecchio i miei compagni di corso, che invece tentavano sempre di piazzarsi più o meno a metà della lista, di modo da poter valutare gli esami degli…

  • Eventi,  In Evidenza

    Giornalismo 2020 Versus Giornalismo 1920 – Tutto un altro modo di fare conferenze

    Sarà un evento scoppiettante e dinamico la conferenza/recital che venerdì 31 gennaio alle ore 17 io e l’attore Massimo Blaco metteremo “in scena” nella Sala del Gonfalone di Palazzo del Pegaso a Firenze (Via Cavour 2). L’ iniziativa, che rientra nel festival culturale “CreatiVita” promosso da Consiglio regionale e dalla Professoressa Anita Tosi, intende presentare il mestiere del giornalista contemporaneo, mettendolo a paragone con la stessa figura professionale di un secolo fa. Ovviamente, come richiesto dal titolo del ciclo di conferenze, per fare questo io e Massimo ci siamo sbizzarriti…viva la creatività! Vi aspetto! Caterina

  • In Evidenza,  interviste,  Nuova Antologia

    Jacopo Capanna: Per il cinema ho fatto follie

    L’arte cinematografica lo ha divertito, sfidato, soprattutto appassionato. Quasi amoroso il sentimento che Jacopo, Capanna produttore e distributore pionieristico nella storia del nostro paese, nutre verso il cinema e che affonda le radici in un’infanzia da sogno, mentre cresceva circondato da divi del cinema dei primi anni ’70, registi di fama mondiale, sceneggiatori, costumisti, a tu per tu con i figli coetanei di Marcello e Suso D’Amico. Livornese di nascita, il giovane Jacopo  trascorre le sue estati  nellav di famiglia di Castiglioncello, che tutt’oggi per lui conserva il sapore dolce della terra madre, pregna di linfa e vitale energia, come la Tara delle magiche immagini di Via col vento. Una…