• In Evidenza,  Le geometrie dell'amore

    Le Geometrie dell’amore: Ne parla il Corriere della sera.

    Sfogliando tra le pagine dell”inserto #300 del 27 agosto 2017, ho trovato una bella recensione de #legeometriedellamore firmata da Ermanno Paccagnini. Una sorpresa impagabile quanto inaspettata.  Ad maiora! Guarda, una moneta da 2 euro Il fatto è che siamo nel 1910 Salti nel tempo La protagonista del romanzo di Caterina Ceccuti va indietro di un secolo sulle tracce di un giocatore. Troverà, tra l’altro, anche l’amore La Lettura 27 Aug 2017 di Ermanno Paccagnini Per esplicita dichiarazione dell’autrice, Le geometrie dell’amore di Caterina Ceccuti è romanzo che nasce da un «intricato guazzabuglio di sogni, sentimenti, ideali, emozioni, speranze»; né potrebbe essere diversamente trattando di personaggi che si trovano ad attraversare…

  • In Evidenza,  Le geometrie dell'amore

    Letture per l’estate: un amore che scavalca il tempo

    Come può una ragazza dei nostri giorni innamorarsi di un giovane vissuto un secolo prima e, soprattutto, incontrarlo davvero e fare di tutto perché non si avveri il suo destino tragico passato ormai alla storia? Difficile che esista una sfida più grande al detto secondo cui l’amore può tutto: ma in un romanzo, ottimo come lettura estiva, questo diventa possibile grazie alla fantasia e alla creatività dell’autrice, con il pregio di riportare il tutto nei binari del verosimile attraverso l’escamotage letterario degli articoli di Riccardo Sirigatti, giornalista fiorentino del primo Novecento, curatore per la sua rivista di una rubrica sul soprannaturale. Ma a dirci di più sulla vicenda è la…

  • Eventi,  Le geometrie dell'amore

    Le Geometrie dell’amore al Castello Pasquini di Castiglioncello. 21 agosto ore 18

    Non potevo desiderare di meglio: una presentazione estiva de #legeometriedellamore nella sua città Natale, Castiglioncello, dove la storia del romanzo ha preso forma. Ho visto i personaggi camminare sul magico lungomare del suo paesaggio lunare, sentito le emozioni che da quando ero bambina mi legano a questa terra. Grazie, piccolo,prezioso scrigno di ricordi e bellezza che ogni anno mi ospiti e continui a sussurrarmi nell’orecchio cose che mi piacciono e consolano.